La LIPU denuncia: “Pini crollati, è colpa delle potature”

Dopo il maltempo di questi giorni con piogge e forte vento numerosi alberi sono crollati a Livorno, soprattutto pini del quartiere Fabbricotti. Cecilia Giorgetti, della LIPU, ci ha inviato un comunicato dove si denuncia la cattiva gestione del verde pubblico da parte delle istituzioni locali e in particolare i danni provocati da potature sbagliate.

“Quando un albero cede” scrive la LIPU “le piante vengono subito additate come ‘killer’ e pericoli pubblici. Senza invece chiederci: come erano state gestite? Sono stati effettuati i controlli di stabilità? Chi per primo si reca sul posto dovrebbe operare allo stesso modo degli investigatori che intervengono sulla scena del crimine: prima di rimuovere qualsiasi cosa (in questo caso tagliare a pezzi l’albero) è necessario raccogliere gli indizi che permettano di risalire alla cause del cedimento”.

La causa principale sarebbe una potatura eccessiva, la cosiddetta “capitozzatura”, cioè il taglio indiscriminato del fusto, delle branche primarie o di grossi rami, che viene fatto sia per motivi economici (in modo da rendere meno frequenti gli interventi sulle piante), sia nell’erronea convinzione che in questo modo si riducano i pericoli derivanti da caduta di rami o quant’altro.

Al contrario, scrive la LIPU, “alleggerendo le chiome si alterano le funzioni biologiche, e per quanto riguarda le continue spalcature che vengono effettuate ai pini, i fatti di questi giorni dimostrano chiaramente che non scongiurano il crollo delle piante. Ciò accade perché i pini non sono in grado di ricacciare nuovi rami (in sostituzione di quelli tagliati), tanto che per recuperare la massa verde fotosintetizzante sono costretti a svilupparsi in altezza, causando l’assottigliamento del tronco”.

Questo secondo la LIPU comporta che:

  • la perdita della chioma viene compensata sotto terra dalla morte di una parte corrispondente dell’apparato radicale, e quindi la pianta risulterà meno ancorata;
  • dai tagli grandi che la pianta non riesce a rimarginare entrano funghi e parassiti, che nel tempo la fanno ammalare e destabilizzare;
  • l’allungamento del tronco la renderà più soggetta all’azione del vento, e in caso di caduta il raggio intercettato aumenterà, così come la forza di impatto (principio della leva).

“Riducendo la chioma -continua il comunicato- oltre a perdere buona parte delle sue funzioni (ombra, paesaggio, riduzione inquinanti, biodiversità), l’albero si ammala e si destabilizza. Occorre avere presente che si tratta di un essere vivente, che se “lasciato in pace” il più possibile è in grado di adattarsi e trovare il suo equilibrio nell’ambiente, incluso resistere agli eventi meteoclimatici. Invece di dare a prescindere, la ‘colpa’ agli alberi, creature meravigliose quanto utili per i numerosi servizi ecosistemici che ci donano (a partire dall’ossigeno che respiriamo), andiamo a individuare le responsabilità in coloro che gestiscono il verde in maniera scorretta. Come del resto indicano le Linee guida prodotte dal Ministero dell’Ambiente nel 2017, diventate oggi una norma di legge attraverso il Decreto n° 63 del 10 marzo 2020 del Ministero dell’Ambiente, sui criteri ambientali minimi per il servizio di gestione del verde pubblico (CAM).

Bisogna quindi essere consapevoli -conclude la LIPU- che una sicurezza al 100% si potrebbe ottenere soltanto eliminando tutti gli alberi dalle città, ma questo è del tutto insostenibile perché -al contrario- abbiamo estremamente bisogno del maggior volume di vegetazione, in grado di contrastare i cambiamenti climatici (attraverso l’assorbimento di anidride carbonica) e di filtrare gli inquinanti atmosferici (al primo posto le polveri sottili, pericolosissime per i nostri polmoni e la nostra salute e anche in grado di trasportare i virus quali il Covid).

Nella foto sopra il titolo il pino d’Aleppo crollato nel Viale della Libertà. Sono evidenti -scrive la LIPU- i segni delle numerose potature, da cui entrano funghi e parassiti che fanno ammalare e destabilizzare le piante.
Qui sotto invece l'”effetto Chernobyl” della “capitozzatura” la primavera scorsa sugli alberi del Viale Petrarca.

La LIPU denuncia: “Pini crollati, è colpa delle potature” 2

Print Friendly, PDF & Email
Copy link
Powered by Social Snap

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.