News e Conoscere al tempo del virus.

“È la fine di qualunque tipo di buone notizie. Il sistema immunitario del nostro pianeta sta cercando di sbarazzarsi degli esseri umani. Questo sicuramente è il modo migliore per riuscirci.” ( Kurt Vonnegut – Un uomo senza patria)

Forse aveva proprio ragione Vonnegut 15 anni fa: non ci sono più buone notizie e il sistema immunitario della terra sta entrando in azione per eliminare la razza umana…
Forse.. Ma in questo momento è  giusto chiedersi qual’è il ruolo concreto dell’informazione e della conoscenza nel mondo attuale.
Che cosa vuol dire oggi conoscere, scrivere, comunicare al tempo del Coronavirus? Che cos’è oggi la scienza? E la conoscenza? Di cosa dobbiamo scrivere o parlare di fronte a quello che ci viene incontro in maniera assordante e variegata, di fronte a quel sentire comune fornito da tv, giornali e social? Cosa possiamo fare davanti a questa racconto quotidiano che ci invade di eventi, crisi, contagi, pareri di esperti e fake news? Come fa una persona oggi a unire il suo esistere, i suoi sogni e la sua vita reale a questo bombardamento continuo di notizie allarmanti e decreti governativi, di temi imposti e di leader politici e giornalisti da strapazzo, di borse che crollano e supermercati che si svuotano.. A partire dal secolo dei Lumi, passando dalla scienza del 1900 e dalla tecnologia dei 2000 fino ad arrivare al ” noi fin qui siamo” di Rilke ..ora davvero dobbiamo chiederci veramente quale è il confine tra scienza e politica, tra tecnologia e controllo, tra scrivere per un noi e far girare fake news .
Perché “conoscere significa porsi angosciosamente e avidamente di fronte a ciò che non c’è” (Furio Jesi – Mito). Fin da oggi è necessario cercare altri modi di essere, essere insieme, conoscere e raccontare oltre il capitale e oltre la vita relazionale attuale.
Diventa importante, in questa fase storica, ripoliticizzare la scienza, la conoscenza, la tecnologia e riprendere, giorno per giorno, la lotta intorno ad un territorio reale devastato da crisi, povertà e inquinamento. Inoltre si tratta di rimettere in discussione che cosa vuol dire conoscere al tempo di Google, di Facebook e di Instagram dove tutti possono essere virologi e dove i virologi sono star dello spettacolo da consumare..
E’ necessario ricostruire un tessuto sociale, culturale e tecnologico per cambiare i rapporti di forza esistenti e bisogna rimettere al centro delle lotte la questione della sanità per i suoi posti letto che vengono tagliati e che non bastano davvero di fronte alle emergenze, per gli ospedali dimezzati, per la mancanza di infermieri, medici, reparti di terapia intensiva e mascherine.
Bisogna considerare che la scienza, la medicina, la tecnologia e la scrittura sono piani dello stesso insieme in cui ogni luogo e tempo devono dare la possibilità ad ognuno di esistere, fermarsi e capire.

Si tratta di ripensare a una comunità scientifica libera da interessi economici e dalla parte di un noi reale e concreto , dove il problema dei vaccini non si deve nemmeno porre perché la comunità scientifica, pur nelle sue diverse posizioni che la devono arricchire e non dividere, deve stare dalla parte delle persone e del pianeta. Relazionarsi, costantemente, con la scienza e con i suoi risultati è un rapporto essenziale per la società perché tutto ciò che è esclusivamente scientifico e tecnico non può capire veramente che cosa sia la scienza o la tecnica in quanto parti di un insieme più esteso e più profondo, come ci suggerisce Heidegger nelle lezioni di Brema del 1949.
Infine sarebbe anche ora di ripensare al senso della morte, della malattia e del dolore, a quanto ci sia di naturale in loro e quanto invece sia dovuto alla storia devastante dell’umanità in generale e del capitalismo di questi ultimi secoli…

Copy link
Powered by Social Snap

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.