Distopia Taranto. Flussi di acciaio, un per cento di Pil, 1500 morti l’anno

Proprio nel 2019 è uscito un testo esemplare già nel titolo  Taranto come utopia distopica  la cui scheda è disponibile sul sito  Franco Angeli . La città pugliese è uno dei tanti panorami distopici del nostro paese ma probabilmente uno dei piu’ conosciuti come tali. Così la distopia come genere letterario, la radicalizzazione delle criticità del presente in utopia del futuro, diventa geografia del presente. Dove le criticità di un modello sociale si radicalizzano subito, mostrando una dimensione velenosa, drammatica e perversa.

Alcuni aspetti di questa distopia: Taranto, secondo le stime meno generose, rappresenta l’un per cento del Pil italiano. Ottenuto in un impianto pericoloso, velenoso, secondo diversi osservatori ancora obsoleto, frutto delle privatizzazioni del centrosinistra anni ’90. Distopia industriale regalata da Prodi ancora celebrato come padre della patria.  Dove l’organizzazione del lavoro della grande fabbrica, oltre 10.000 dipendenti ancora oggi, continua a integrarsi con i ritmi della vita sociale dei territori circostanti. Distopia umana di un lavoro fuori dal tempo, in una regione che ha riscoperto da molti anni il bracciantato selvaggio,  che trova una ragione economica. Distopia ambientale, la salute è fuori controllo: Taranto continua ad avere 1500 morti per tumore alle vie respiratorie l’anno.  Distopia architettonica, un fabbrica fuori dallo spazio, dal panorama che regala solo un significato di soffocamento e disgregazione.  Distopia dell’acciaio: con Arcelor-Mittal che aveva acquisito Ilva ma non si capisce se per mettere nel binario morto un concorrente in un mercato europeo asfittico o per far fronte alla marea di acciaio cinese esistente frutto della sovrapproduzione degli impianti del paese asiatico. Distopia dei dazi. Dove solo i dazi europei all’acciaio cinese, non esistono solo quelli di Trump, tengono in piedi l’esistenza di questo spazio economico, sociale, tecnologico, umano che rivela i propri caratteri velenosi quanto altamente complessi.

Dystopia, welcome to Taranto, purtroppo

 

scheda redazione

Print Friendly, PDF & Email
Copy link

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.