L’onda del virus

Nella conferenza stampa blindata tenuta al tempio della cultura labronica di fronte ad una folta e incuriosita platea di pennivendoli e di cortigiani di palazzo Comune e ASL hanno reso note le strategie volte a far fronte ad un eventuale epidemia che per il momento per fortuna non si riscontra nel nostro territorio vediamole alcune: è stato dichiarato “Pronti ad affrontare la situazione peggiore…” e sono stati attivati vari,simpatici e funzionanti servizi telefonici uno con personale umano soltanto dalle 8 alle 20 e con segreteria digitale telefonica dalle 20 alle 24. In pratica dopo le 20 si parlerà ad una segreteria telefonica. L’altro, davvero utile, è attivo dal lunedì al venerdì, in quanto si è ben pensato che il sabato e la domenica non ci siano chiamate (per il weekend il contagio si riposa);
è stato allertato il reparto di malattie infettive con i tantissimi 20 posti letto (effetto della cosiddetta razionalizzazione del governatore?) molti dei quali probabilmente già occupati. Forse si pensa ad una coabitazione in multi degenza, uno a capo l’altro ai piedi, in caso di emergenza? Poi ci sono le numerose camere di isolamento (quante e quali bo? Forse dislocate all’hotel palazzo?) pronte per far fronte ad eventuali picchi di contagio e di arrivi in massa;
sulle mascherine sembra che saranno date in ospedale per far fronte al fatto che sul nostro territorio sono estinte da tempo come altri prodotti utili come disinfettanti, guanti e occhiali ecc. Questo è il punto di forza della programmazione territoriale labronica, ASL docet;
sono previste tende e gazebo pre triage fuori dal pronto soccorso stile “giovani marmotte” per gli ospedali che le richiederanno, in modo da fare filtro e preparare le persone con dispositivi di protezione dal contagio prima che entrino al pronto soccorso ma con quali codici di gravità non si capisce; infine il porto rimane aperto e accessibile a tutti i bastimenti provenienti da resto del mondo, le scuole seguiranno il protocollo del ministero della pubblica “distruzione culturale” che prevede il blocco delle gite e stage scolastici, mentre si può tranquillamente girare fuori nel weekend e nel dopo scuola senza alcun problema;
Non è stato previsto alcun protocollo per assistere anziani, single e famiglie in eventuale quarantena di isolamento per i rifornimenti di cibo, acqua, giornali ed altro, monitoraggio e assistenza domiciliare compresa, forse manca il personale? oppure è un altro effetto della razionalità sanitaria regionale? bo’?
Concludendo, siamo pronti al via. Ma… sarà? Occhio all’onda se arriva.

{Dattero}

Immagine di pubblico dominio e di The Great Wave at Kanagawa Carved by Hokusai wikipedia

Copy link
Powered by Social Snap

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.