Traduzione di “Me on COVID-19 Contact Tracing Apps”

Il dibattito sulla possibile App Immuni per la gestione della fase2 dell’emergenza Covid-19 si fa ogni giorno più interessante, comprese indiscrezioni su irregolarità nella scelta dell’App. Ma il dibattito non è solo italiano, in tutto il mondo si stanno sperimentando soluzioni simili, compreso lo sviluppo di API apposite da parte dei due colossi che si spartiscono il mercato software degli smartphone, Google e Apple.

In questo dibattito ci sembrava interessante il punto di vista di Bruce Schneier, un crittografo dell’Università di Harvard ed autore di diversi libri di sicurezza informatica, che mette in luce alcuni punti mostrando delle perplessità che abbiamo anche noi. Per questo abbiamo deciso di tradurlo. Prossimamente tradurremo anche l’articolo del Brookings Institution citato in fondo a questo stesso articolo.


Sono stato citato in BuzzFeed:

Il mio problema con le app di tracciamento dei contatti è che non hanno assolutamente alcun valore”, ha detto a BuzzFeed Bruce Schneier, esperto di privacy e collega presso il Berkman Klein Center for Internet & Society dell’Università di Harvard. “Non sto nemmeno parlando delle preoccupazioni sulla privacy, intendo l’efficacia. Qualcuno pensa che questo farà qualcosa di utile? … È solo una cosa che i governi fanno per il gusto di farlo. Per me sono solo tecnici che fanno cose tecniche perché non sanno fare altro”

Non ho pubblicato su questo blog qualcosa in merito perché pensavo fosse ovvio. Ma dai tweet e dalle e-mail che ho ricevuto, sembra di no.

Questo è un classico problema di identificazione e l’efficacia dipende da due cose: falsi positivi e falsi negativi.

  • Falsi positivi: qualsiasi app avrà una definizione precisa di un contatto: diciamo che è meno di sei piedi [180cm ndr] per più di dieci minuti. La percentuale di falsi positivi è la percentuale di contatti che non danno luogo a trasmissioni. Ciò sarà dovuto a diversi motivi. Uno, i sistemi di localizzazione e prossimità dell’app – basati su GPS e Bluetooth – non sono abbastanza precisi da catturare ogni contatto. Due, l’app non sarà a conoscenza di circostanze attenuanti, come muri o pareti divisorie. E tre, non tutti i contatti si traducono in trasmissione; la malattia ha una velocità di trasmissione inferiore al 100% (e non so cosa sia).
  • Falsi negativi: è la velocità con cui l’app non riesce a registrare un contatto quando si verifica un’infezione. Anche questo sarà a causa di diversi motivi. Uno, errori nei sistemi di localizzazione e prossimità dell’app. Due, le trasmissioni che avvengono da persone che non hanno l’app (anche Singapore non ha superato la percentuale di adozione del 20% per l’app). E tre, non tutte le trasmissioni sono il risultato di quel contatto definito con precisione: il virus a volte viaggia oltre.

Supponiamo che hai l’app con te mentre fai la spesa e che successivamente ti avverta di un contatto. Cosa dovresti fare? Non è abbastanza preciso per metterti in quarantena per due settimane. E senza test onnipresenti, economici, veloci e precisi, non è possibile confermare la diagnosi dell’app. Quindi l’avviso è inutile.

Allo stesso modo, supponi di usare l’app mentre fai la spesa e che non ti avverta di alcun contatto. Sei al sicuro? No che non lo sei. In realtà non hai idea se sei stato infettato.

Il risultato finale è un’app che non funziona. Le persone pubblicheranno le loro brutte esperienze sui social network, le persone leggeranno quei post e si renderanno conto che l’app non deve essere considerata attendibile. Quella perdita di fiducia è persino peggio che non avere alcuna app.

Non ha nulla a che fare con le preoccupazioni sulla privacy. L’idea che il tracciamento dei contagi possa essere fatta con un’app, e non da dei professionisti della salute umana, è semplicemente stupida.

Questo saggio della Brookings Institution dice più o meno le stesse cose.


Originale: Me on COVID-19 Contact Tracing Apps, di Bruce Schneier.

Print Friendly, PDF & Email
Copy link

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.