Brexit, sostituire gli immigrati con le tecnologie. E ora sovranisti?

Il grande mito della Brexit prevedeva, almeno per chi lo guardava da fuori, la sostituzione dei migranti coi nativi per quanto riguarda i posti di lavoro. Certo, con un mercato del lavoro vicino al pieno impiego, per quanto in molti settori i salari siano davvero bassi, immaginare questa sostituzione era un pò curioso. Come è, e resta curioso, cosa sia applicabile del “take control” del ritorno alla piena sovranità promesso dai sostenitori della Brexit agli elettori.  Accade però che in questi giorni sono emersi i lineamenti del piano del governo UK in materia di immigrazione dopo la Brexit (la cui data reale è del 31 dicembre almeno fino ad oggi). Ammesso e non concesso che la Scozia non provi davvero a praticare la strada del secondo referendum e quindi della secessione come sta continuando a predicare il primo ministro del parlamento di Edimburgo.

In ogni caso in materia di immigrazione il governo di Londra ha dei piani piuttosto precisi: un permesso di immigrazione a punti (modello australiano) che tende ad escludere particolarmente i lavoratori delle fasce più basse, una serie di requisiti di integrazione (tra cui la lingua), il reddito e lo stop all’immigrazione in ricerca di lavoro per una serie di lavoratori artigianali (tra cui l’idraulico o muratore). Per paesi come l’Italia e la Francia è previsto il ripristino del passaporto.

Ma, come sempre, il diavolo si annida nei dettagli. Sia le organizzazioni datoriali inglesi che il partito laburista hanno protestato, una volta venuti a conoscenza di questi piani del governo, affermando che si tratta di un colpo all’economia britannica largamente dipendente, in materia di prestazioni da lavoro, proprio dalle figure professionali immigrate che si vuol tener fuori dal Regno Unito. La risposta del governo? Nello stesso paper sull’immigrazione c’è una frase che chiarisce le sue intenzioni” “l’immigrazione non può essere usata”, afferma il governo britannico, come surrogato per impedire “piu’ vasti investimenti in automazione e tecnologie“. Ma come? La Brexit non doveva servire per ridare lavoro all’onesto lavoratore inglese spiazzato dall’immigrazione e dal turboliberismo? In Inghilterra tanti ci hanno creduto, come tanti ci credono in Italia. In realtà blocco dell’immigrazione e desiderio sostituzione di questi lavoratori con le tecnologie sono una realtà degli anni ’20, quelli della data-driven economy dove Ai e robotica cercano di impossessarsi il più possibile dei lavori ripetitivi e manuali.

a cura della redazione di codice rosso

l’articolo del guardian su questo tema

 

Print Friendly, PDF & Email
Copy link

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.