Bielorussia: Rivoluzione colorata o movimento popolare?

La situazione in Bielorussia, senza dubbio molto complessa, era inevitabilmente destinata a produrre nella sinistra internazionale una polarizzazione tra due posizioni diametralmente opposte: da una parte il movimento di opposizione viene considerato l’ennesima “rivoluzione colorata” promossa dall’imperialismo USA-UE, come quelle orchestrate spesso con successo nel passato (vedi Ucraina e altri Paesi). Dall’altra si mette in evidenza la matrice operaia e popolare delle proteste e il carattere autoritario del governo di Lukashenko. Uscendo da una logica da “tifosi”, che impedisce di valutare le cose con la necessaria obiettività, si deve rilevare che in entrambe le posizioni ci sono elementi di verità: sullo scenario bielorusso è evidente lo “zampino” di potenze straniere (USA, UE, soprattutto Germania, Polonia e Stati baltici) ma i movimenti popolari nei Paesi “non allineati” con l’Occidente non possono sempre essere considerati come frutto di manovre dei servizi segreti o dei finanziamenti del solito Soros. Il malcontento che si è esteso nella società bielorussa affonda le sue radici nel peggioramento della qualità della vita delle masse popolari e nelle conseguenze dell’emergenza Covid, e ha trovato il suo detonatore nel risultato delle ennesime elezioni presidenziali poco trasparenti che hanno riconfermato al potere Lukashenko con una percentuale “bulgara” poco credibile. Un movimento dunque che ha radici popolari e democratiche che però in assenza di una sinistra e di un movimento operaio forti e organizzati rischia di essere egemonizzato dalla destra neoliberista. La Bielorussia non è l’Ucraina e i gruppi apertamente nazifascisti non hanno lo stesso peso. Ma le tre donne che in questo momento vengono presentate dai media occidentali come i leader dell’opposizione hanno una storia personale illuminante: tutte e tre sono legate ad importanti uomini d’affari (https://www.eastjournal.net/archives/108926) e anche se proclamano “né con Putin né con l’UE” la prospettiva politica che sembrano condividere è sicuramente di tipo neoliberista. Peraltro è difficile pensare che i brogli, per quanto estesi e sistematici possano essere stati, abbiano potuto ridurre al 10% il consenso all’opposizione se questo avesse raggiunto la maggioranza relativa. Nei prossimi giorni continueremo a seguire la situazione in Bielorussia e a pubblicare nuovi materiali, soprattutto sulle questioni geopolitiche e i rapporti internazionali riguardanti questo Paese. Oggi vi proponiamo un’intervista a due esponenti della sinistra bielorussa realizzata dal sito statunitense Jacobin e tratta dal blog di Maurizio Acerbo, un comunicato di solidarietà ai lavoratori bielorussi da parte di un sindacato indipendente ucraino e un articolo del Guardian sulla contestazione a Lukashenko da parte degli operai di Minsk.

(Nello Gradirà)

 

Un’intervista con Ksenia Kunitskaya e Vitaly Shkurin

di Volodymyr Artiukh

Le proteste in Bielorussia sono state ampiamente dipinte come una “rivoluzione colorata” filo-occidentale o “Minsk Maidan”, ignorando le ragioni più profonde del malcontento popolare nei confronti del presidente Alexander Lukashenko. Jacobin ha parlato con militanti della sinistra in Bielorussia riguardo alle forze che stanno dietro le proteste e delle prospettive del movimento operaio organizzato che afferma la propria agenda.

Si dice spesso che la brutalità della polizia a Minsk sia senza eguali in Europa: qualcosa che i manifestanti francesi del gilet jaunes negherebbero sicuramente. Eppure qualcosa sta decisamente cambiando in Bielorussia, dopo un sostegno popolare senza precedenti ai candidati dell’opposizione ha sfidato il governo del presidente Alexander Lukashenko che dura da ventisei anni. Quando le autorità hanno affermato di aver ottenuto l’80% dei voti nelle elezioni del 9 agosto – e la folla è scesa in piazza per protestare – lo stato ha scatenato il terrore della polizia.

Le manifestazioni di piazza sono state inizialmente dominate dai giovani urbani. Eppure, come ho mostrato in un recente articolo, la protesta negli ultimi giorni ha cambiato forma, espandendosi in un più ampio movimento operaio che coinvolge mobilitazioni diffuse nei luoghi di lavoro . Le azioni che hanno interessato la maggior parte dei più grandi siti industriali del paese hanno visto migliaia di lavoratori riunirsi, discutere le loro richieste e minacciare una chiusura generale.

Quindi, si dice che tutto in Bielorussia sia “senza precedenti”. Eppure si possono, in effetti, trovare precedenti, in Solidarnosc in Polonia o negli scioperi dei minatori nella tarda Unione Sovietica – esempi di militanza operaia alleata a movimenti di protesta più ampi che inconsapevolmente hanno aperto la strada a trasformazioni neoliberiste. La tragica storia del lavoro nello spazio post-sovietico richiede quindi un approccio attento e fondato sui recenti eventi in Bielorussia.

Per fare luce sulle contraddizioni della società bielorussa e sulla condizione della sua classe operaia, ho intervistato due rappresentanti della sinistra bielorussa, che hanno chiesto di non rivelare la loro identità. “Ksenia Kunitskaya” è un membro della rivista online Poligraf, e “Vitaly Shkurin” è un autore bielorusso di September, una piattaforma mediatica di sinistra che copre lo spazio post-sovietico. Entrambi hanno legami con circoli di attivisti e sono ben posizionati per valutare la situazione dal punto di vista della classe operaia.

VA: Sembra che né gli analisti né le autorità bielorusse si aspettassero disordini di questa portata intorno alle elezioni del 9 agosto. Cosa ha scatenato la mobilitazione pre-elettorale e le successive proteste? In quale congiuntura politica più ampia dovremmo vederli?

KK: Il primo motivo è la stanchezza che da tempo si è accumulata tra gran parte della popolazione a causa di un  quarto di secolo del governo di Lukashenko. Il suo approccio è evidente nel suo stile di comunicazione brusco sia con gli avversari che con i suoi subordinati, spesso somigliante a una disinvolta rudezza. Questo è aggravato dall’indifferenza mostrata dai funzionari locali, che non seguono l’umore della gente ma lo stato d’animo del leader. Queste qualità si sono manifestate chiaramente durante la cattiva gestione da parte del governo dell’epidemia di COVID-19 che ha irritato enormemente la popolazione.

Inoltre, il governo ha costantemente smantellato il modello di stato sociale e i suoi obblighi sociali nei confronti dei suoi cittadini. Ciò era evidente con l’introduzione nel 2004 dei contratti individuali con i lavoratori invece dei contratti collettivi; la “tassa sulla disoccupazione” 2017 e l’esclusione del servizio militare, del congedo di maternità e degli studi universitari o universitari dagli anni che contano ai fini della pensione. Anche la politica monetaria restrittiva degli ultimi cinque anni ha portato a un congelamento dei salari, mentre i prezzi hanno continuato a salire.

VS: Gli ultimi dieci anni hanno visto una depoliticizzazione dei bielorussi. Dopo le fallite proteste post-elettorali del 2010 e la successiva “rivoluzione delle mani” [quando le persone applaudirono in strada per manifestare il loro dissenso, temendo di essere arrestate se avessero organizzato proteste], molti membri di partiti e movimenti hanno subito la repressione statale.

Nel 2017, dopo che il governo ha introdotto la cosiddetta tassa sulla disoccupazione, la Bielorussia ha visto proteste non solo a Minsk, ma anche nelle piccole città di provincia, per la prima volta in sei anni. Questa tassa è stata poi rinviata. Ma sembrava che dopo la sconfitta dei partiti e dei movimenti di opposizione, la nuova opposizione a Lukashenko fosse apparsa solo nella vaga forma dei “bielorussi”.

Poiché una quota sostanziale dell’economia bielorussa è ancora di proprietà statale, la “gente comune” – i soliti elettori di Lukashenko – è composta da lavoratori di fabbriche di proprietà statale, insegnanti di scuola o medici. Negli ultimi anni, il settore pubblico è stato affamato di denaro, il che ha portato a un calo dei salari, alla contrazione della forza lavoro, alle vacanze forzate non pagate e all’aumento dell’età pensionabile. Ovviamente, questo ha politicizzato la “gente comune”, ma sfortunatamente non è emersa un’agenda forte e positiva.

KK: Inoltre, le autorità hanno prestato poca attenzione alla loro immagine positiva agli occhi della popolazione. La nostra propaganda statale è molto debole e spesso sembra ridicola: “Non abbiamo mai vissuto così bene come ora”, affermano. I loro avversari, tuttavia, hanno creato un sistema efficace di media elettronici professionali, moderni. Attraverso questo, evidenziano le carenze dello stato e conducono propaganda a favore delle riforme neoliberiste e di una politica della memoria nazionalista. Ciò ha permesso all’opposizione liberal-nazionalista di mobilitare i sostenitori prima delle elezioni, di cogliere le autorità in numerosi casi di brogli elettorali e di portare la gente in piazza.

Inoltre, le dure azioni della polizia – l’uso di granate assordanti, idranti e gas lacrimogeni, torture dei detenuti – hanno suscitato indignazione non solo tra i sostenitori dell’opposizione, ma hanno anche scioccato coloro che prima non erano interessati alla politica.

VA: Che tipo di bielorussi hanno avuto la tendenza a sostenere Lukashenko – e questo sostegno ora sta venendo meno? Questo ha a che fare con l’indebolimento del compromesso tra “nessun diritto politico, ma pur sempre diritti di welfare”?

KK: Dopo la prima vittoria elettorale di Lukashenko nel 1994, il suo sostegno è stato molto ampio, comprendendo sostenitori di un’alleanza con la Russia e la rinascita dell’URSS, oppositori di dure riforme di mercato e madrelingua russi insoddisfatti della politica di “bielorussianizzazione”. I residenti nei villaggi lo percepivano come “il loro ragazzo”. Negli anni 2000, ha attirato sostenitori con una politica di crescita salariale costante, promettendo di portare lo stipendio medio a $500 e persino $1.000 al mese.

Una serie di crisi economiche hanno impedito la realizzazione di questo sogno. L’unione con la Russia soffre anche a causa delle contraddizioni tra le élite russe e bielorusse. E le campagne per aumentare i salari sono state sostituite da una politica monetaria restrittiva, nello spirito delle raccomandazioni del FMI.

La sociologia indipendente nella Bielorussia moderna è praticamente vietata e i sociologi associati allo stato non pubblicano dati, quindi è difficile giudicare le valutazioni reali del presidente. Ovviamente, è meno che negli anni ’90 e 2000 e le dure azioni della polizia chiaramente non hanno aumentato la sua popolarità. Allo stesso tempo, l’opinione popolare tra l’opposizione secondo cui il consenso di Lukashenko è solo del 3% è molto probabilmente un mito.

VS: Penso che il modello economico di Lukashenko basato sulla riesportazione del petrolio russo si sia esaurito, poiché la Russia ha aumentato il prezzo del petrolio per la Bielorussia e i prezzi globali sono precipitati. Ovviamente, Lukashenko non può sostenere l’attuale livello di welfare per la popolazione, quindi per lui il neoliberismo sembra essere l’unica via d’uscita.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che una quota elevata di occupazione nel settore pubblico significa che i luoghi di lavoro sono anche luoghi di controllo politico. Poiché il tasso di disoccupazione non ufficiale in Bielorussia è piuttosto alto (circa il 10%) e le indennità di disoccupazione sono di circa $ 10 al mese, essere disoccupati non è molto confortevole. I dipendenti del settore pubblico devono partecipare regolarmente ad altre attività per salvare i loro posti di lavoro: lavorare il sabato, votare alle elezioni anticipate (dove si verificano principalmente falsificazioni) e persino partecipare alle elezioni come membri di comitati elettorali e falsificare i risultati. L’occupazione nel settore pubblico si basa su contratti a tempo determinato che impediscono a un dipendente di andarsene facilmente, ma consentono a un datore di lavoro di sbarazzarsi del lavoratore a suo piacimento. Ovviamente, a un certo punto, molti dipendenti del settore pubblico si sono resi conto che non c’è via d’uscita.

Allo stesso tempo, possiamo identificare nuovi strati che supportano Lukashenko: i suoi servi nella sfera dell’ideologia e del potere. Con il primo, intendo una nuova generazione di “esperti pubblici” filo-governativi impiegati in varie istituzioni statali (dalle università alle dubbie “organizzazioni pubbliche”). Sono ospiti abituali di media statali, indipendenti e stranieri, dove promuovono lo stato bielorusso. A differenza della vecchia istituzione di noiosi impiegati in stile sovietico, queste persone sono brillanti nei loro discorsi e nel loro aspetto. Anche il vecchio sistema ufficiale in stile sovietico sostiene fortemente Lukashenko, poiché al di fuori del suo sistema sono inutili.

La polizia e i servizi segreti sono il secondo strato di sostenitori di Lukashenko. Hanno speciali benefici per il benessere che includono sussidi per l’acquisto di alloggi, pensionamento anticipato, assistenza sanitaria in cliniche speciali, vacanze in sanatori, ecc. Il numero delle forze di polizia in Bielorussia non è noto pubblicamente, ma il ministro degli interni ha detto nel 2016 che ci sono 405 agenti di polizia ogni 100.000 cittadini e, secondo una stima delle Nazioni Unite del 2013, questo numero è di 1.442 ogni 100.000. Questo lavoro è anche un fattore significativo per la mobilità sociale: le persone dei piccoli centri senza occupazione possono trasferirsi nelle città più grandi per lavorare come polizia. In cambio, devono obbedire ciecamente agli ordini: possiamo vedere l’esito nei primi giorni delle proteste, quando granate assordanti e gas lacrimogeni sono stati usati contro gruppi di manifestanti relativamente piccoli e disarmati.

VA: Come descriveresti la costituzione sociale dei manifestanti, il loro profilo sociale e di classe, le ideologie e le lamentele?

KK: Primo, c’è l’opposizione tradizionale degli anni ’90: nazionalisti, liberali e l’intellighenzia che simpatizza per loro. In secondo luogo, ci sono giovani urbani, uomini d’affari e specialisti IT come quelli che si definiscono progressisti, occidentali e antisovietici. Durante la campagna elettorale, il quartier generale dell’opposizione è riuscito a mobilitare una popolazione leggermente più ampia, almeno dalle grandi città. La politicizzazione nella società durante i giorni pre-elettorali era estremamente alta. Molti cittadini scontenti sono stati coinvolti attivamente come osservatori elettorali.

Ora, settori più ampi della società si stanno unendo, scioccati dalla violenza senza precedenti della polizia e indignati dalla frode elettorale. Alcuni di loro erano insoddisfatti della loro situazione economica, ma avevano sostenuto passivamente Lukashenko come il “male minore” rispetto all’opposizione di destra. I liberali nazionali coinvolti nel processo elettorale non hanno parlato apertamente del loro programma, ma solo di elezioni eque e successivamente di ridurre la violenza della polizia come fine a se stessa.

VS: Nonostante la convinzione di molti comunisti ortodossi che questa sia una “rivoluzione dei programmatori hipster”, molti giovani manifestanti sono operai, tassisti e studenti. Non credo che si possa attribuire alcuna ideologia specifica a questo movimento spontaneo. I manifestanti portano bandiere ufficiali bielorusse [verde e rosso] così come le vecchie bandiere [bandiere bianche-rosse-bianche che servirono come simboli nazionali nel 1991–1994]. Poiché queste ultime dominano, alcuni sostengono che le proteste siano nazionaliste. Ma come ho detto, i leader dell’opposizione nazionalista tradizionale sono in prigione e non ci sono stati conflitti sui simboli tra i manifestanti. Quando i manifestanti hanno iniziato a usare la violenza contro la polizia, possiamo sospettare che fossero coinvolti i tifosi di calcio organizzati, ma sono ancora piccoli gruppi.

VA: Come paragoneresti queste proteste ad altre mobilitazioni in Bielorussia e nella regione?

VS: Tutte le proteste prima del 2010 avevano una forte impronta politica nazionalista, ma già la “rivoluzione delle mani” del 2011 non aveva un programma del genere. Dopo il Maidan ucraino nel 2014, il nazionalismo è tornato in auge tra i manifestanti: è stato mercificato come un marchio di bielorussi nuovi, di successo e più “europei”. Le proteste in corso sono ancora più lontane dal nazionalismo e ricordano piuttosto le proteste del 2017, quando grandi folle in tutta la Bielorussia hanno protestato contro la tassa sulla disoccupazione.

Le proteste di quest’anno hanno due peculiarità: mancano di un’agenda politica e sociale a parte la contestazione dei risultati delle elezioni e sono sparse per la Bielorussia. Prima del 2017, quasi tutte le grandi manifestazioni si sono svolte a Minsk e hanno seguito lo stesso scenario: grande processione attraverso il centro della città, raduno in una grande piazza e il successivo pestaggio della polizia. Ad eccezione del 2006, quando c’era un campo tendato nella piazza principale, sono durate un giorno. Ma queste proteste durano già da quattro giorni in diverse città e paesi, non solo a Minsk. Anche nella capitale, i manifestanti non occupano un posto, soprattutto perché il centro della città è sotto il controllo della polizia fin dalle prime ore della sera. Durante la sera e la notte, le proteste possono avvenire in diversi quartieri; manifestanti scappano dalla polizia e tornano dopo la ritirata della polizia.

KK: Cosa ancora più significativa, la portata della violenza è diventata tale da non essere più percepita come un’immagine astratta nelle notizie. Un numero enorme di persone lo ha visto e sperimentato personalmente o ha subito vittime tra amici e parenti. L’opposizione non propone formalmente nulla che possa portare a un conflitto di interessi di classi e gruppi sociali diversi, solo nuove elezioni: questo è diventato un ulteriore fattore di mobilitazione.

VS: La maggior parte della violenza viene dalla polizia: mai prima d’ora in Bielorussia sono state usate granate flash, gas lacrimogeni e proiettili di gomma su tale scala. Penso che lo stato volesse intimidire i manifestanti, ma questo ha avuto l’effetto opposto di prolungare i disordini. Inoltre, l’entità della violenza è chiara dalla quantità di persone detenute: mai prima d’ora abbiamo avuto tremila persone in prigione in una notte.

Infine, il quarto giorno dopo le elezioni, abbiamo assistito a una nuova dimensione dell’attività di protesta: dichiarazioni dei collettivi di lavoro di tutto il paese su possibili scioperi. Sfortunatamente, queste dichiarazioni per lo più non includono alcuna richiesta sociale, solo le richieste di fermare la violenza della polizia, rilasciare tutti i detenuti e tenere nuove elezioni. Ad ogni modo, non c’è stata alcuna attività di sciopero (legale) in Bielorussia dal 1991.

Inoltre, Internet come mezzo di comunicazione efficiente è stato utilizzato per la prima volta, anche se durante i primi tre giorni di proteste, il traffico Internet straniero è stato interrotto e la maggior parte delle persone ha utilizzato VPN e server proxy. Pertanto, per analogia con le “rivoluzioni di Twitter” durante la primavera araba del 2011, le proteste in Bielorussia possono essere definite una “rivoluzione di Telegram”. Telegram Messenger è stato fondato da Pavel Durov dopo la sua emigrazione dalla Russia ed è diventato popolare tra gli utenti post-sovietici per acquistare droghe (in pratica somigliava all’accesso a una rete oscura, solo senza che fossero necessarie abilità tecniche da parte dell’utente). Nel 2018, un giovane emigrante dalla Bielorussia in Polonia ha avviato il canale Telegram “Nexta” (“нехта”, che significa “qualcuno” in bielorusso), e ha guadagnato popolarità tra i bielorussi a causa dei post “interni” sulle autorità bielorusse.

Ovviamente, un ragazzo non può organizzare una rete di addetti ai lavori, e ci sono sospetti che vari giornalisti e specialisti dei media emigrati durante gli anni del governo di Lukashenko lavorino per questo. Nexta e una rete di canali Telegram affiliati hanno condiviso foto e video da diversi punti durante le proteste. Prima della prima notte di protesta, hanno pubblicato “istruzioni su come protestare con attenzione”, ma senza cose radicali come le ricette per le molotov. Inoltre, Nexta ha fornito scenari di proteste che la gente ha seguito principalmente. Se, la prima notte, questo scenario era un posto a Minsk e grandi piazze nelle piccole città, nelle due notti successive lo scenario implicava il movimento di piccoli gruppi nei distretti dormienti di Minsk e nelle grandi strade nelle piccole città. A volte Nexta era davvero provocatorio: “Solo un’ultima spinta, mostriamo alla polizia la nostra solidarietà “,” [Città X] chiede aiuto, la polizia sta picchiando le nostre donne “. Dopo che Internet ha iniziato a funzionare, i canali di Telegram hanno perso parte della loro influenza. Le proteste sono iniziate per lo più alla luce del giorno e hanno avuto un carattere eccezionalmente pacifico, per lo più sotto forma di “catene di solidarietà”: file di persone, per lo più donne, che tengono fiori lungo le strade principali.

Non vedo somiglianze tra queste proteste in Bielorussia e le precedenti proteste nell’Europa orientale. Alcuni cercano di trovare somiglianze con Euromaidan a Kiev nel 2014, ma questo è uno strumento puramente ideologico per giustificare Lukashenko e dimostrare che non è possibile alcuna alternativa. A differenza di Euromaidan, le proteste bielorusse non hanno grandi gruppi di estrema destra che guidano e usano la violenza. Abbiamo un paio di gang ultras, ma dopo Euromaidan la maggior parte di loro è stata repressa dalla polizia. In Bielorussia non c’è conflitto linguistico e ideologico, come in Ucraina. Infine, a differenza di Euromaidan, le proteste bielorusse non hanno leader: i tradizionali esponenti dell’opposizione sono in carcere e la candidata alla presidenza Sviatlana Tikhanovskaya è in Lituania. Sono assolutamente sicuro che non possa portare alla guerra come nel Donbass: non c’è conflitto ideologico tra Occidente ed Oriente,

VA: Come descriveresti l’attuale situazione della sinistra bielorussa?

KK: Il movimento di sinistra è in crisi da molto tempo, perché lo stesso Lukashenko ha usato slogan quasi socialisti per salire al potere. Quando gli esponenti di destra lo chiamano “sovietico” e “comunista”, non sembra preoccuparsene. I monumenti sovietici, i nomi delle strade e le festività sono stati conservati integralmente in Bielorussia. Quindi, in qualche modo è stato “deciso” che fosse uno “di sinistra”. Inoltre, sotto una dittatura, solo le forze politiche e i media non statali possono sopravvivere alimentati dall’estero. È noto che ingenti fondi americani ed europei donano denaro ai non comunisti.

Di conseguenza, non abbiamo grandi organi di stampa e partiti di sinistra in grado di sostenere almeno una parte della leadership. In queste condizioni, abbiamo due partiti “comunisti”. Il primo si chiama Partito Comunista di Bielorussia e sostiene il regime (comprese le sue più odiose misure antisociali); l’altro, “Un mondo giusto”, sostiene l’opposizione liberale nelle richieste di cambio di regime, concentrandosi meno sull’agenda di classe. Ci sono anche iniziative di base: circoli marxisti, piccoli media, gruppi di interesse, piccole associazioni di anarchici.

VS: Il partito della sinistra “Un mondo giusto” si è separato dal Partito Comunista nel 1996 dopo che il primo referendum di Lukashenko ha spostato gli equilibri di potere verso il presidente. Oggi è contro Lukashenko e contro l’opposizione di orientamento occidentale. Il Partito dei Verdi bielorusso, fondato nel 1994 e orientato contro l’energia nucleare, ha sviluppato un’agenda di sinistra e anti-autoritaria. È abbastanza forte e, a differenza di “Un mondo giusto” è meno orientato ai classici marxisti-leninisti. Inoltre, abbiamo tre partiti socialdemocratici, alcuni dei cui membri hanno forti orientamenti sociali, ma la maggior parte fa parte dell’establishment dell’opposizione orientato all’Occidente.

La Bielorussia aveva un movimento anarchico grande e forte, forse il più forte nello spazio post-sovietico, collegato a una scena punk-hardcore. Alcuni di loro si sono infiltrati nel Partito dei Verdi; alcuni sono finiti in prigione. È difficile dire qualcosa sull’attività degli anarchici ora, perché sono ancora l’obiettivo principale della repressione. Alcuni gruppi anarchici non si definiscono “di sinistra”, perché lo associano erroneamente a “tankies” filo-sovietici; alcuni trovano il loro sostegno dall’opposizione nazionalista orientata all’Occidente.

Infine, una moda russa di “Left YouTube” e marxisti kruzhki (piccole organizzazioni di autoeducazione) ha raggiunto la Bielorussia negli ultimi anni. Sfortunatamente, gran parte del loro contenuto non riguarda tanto la loro agenda, ma una feroce critica all’opposizione di orientamento occidentale. Incantano i loro spettatori con la nostalgia sovietica o il risentimento sovietico più che proporre un’agenda positiva per la costruzione di un ampio movimento sociale democratico. Questa sinistra YouTube e kruzhki non sono cattivi di per sé, ma non possono essere visti come l’unica strategia per la sinistra, come spesso propongono.

VA: Qual è l’atteggiamento di questi vari gruppi di fronte a questa congiuntura politica e alle proteste?

KK: Una parte della sinistra è pronta a sostenere direttamente la protesta liberale, principalmente a livello di coinvolgimento e dichiarazioni di attivisti di base. Un’altra parte ritiene che il popolo abbia il diritto di protestare, che la violenza della polizia sia inaccettabile e oltraggiosa e che le elezioni siano state truccate, ma non può schierarsi dalla parte dell’opposizione liberale. I suoi obiettivi sono continuare la privatizzazione delle imprese, limitare la medicina gratuita e introdurre una flessibilità del lavoro ancora maggiore di quella che abbiamo ora.

Recentemente, è emersa una piccola iniziativa di base con lo scopo di portare rivendicazioni economiche e sociali all’agenda di protesta dei lavoratori, poiché al momento tutte le proteste dei lavoratori sono incentrate su ampie richieste politiche: le dimissioni di Lukashenko, il rilascio di prigionieri politici, le cause contro le forze di sicurezza, elezioni eque.

VS: Tutti i partiti di sinistra si sono rifiutati di partecipare alle elezioni presidenziali durante la pandemia; e comunque, non avevano risorse sufficienti per mobilitare persone comuni e attivisti per trasformare il malcontento popolare nei confronti di Lukashenko in un’agenda socialista.

Allo stesso tempo, dopo che lo stato aveva già iniziato a usare la repressione contro candidati alternativi e i loro sostenitori prima delle elezioni, molti kruzhki e attivisti di YouTube hanno deciso di non prenderne atto. Hanno continuato a respingere qualsiasi opposizione a Lukashenko; alcuni sono andati alla ricerca di somiglianze con Euromaidan, avvertendo di una fine catastrofica nella decomunistizzazione e nella repressione dei gruppi di estrema destra. Ma per lo più insistono su un’astuta strategia per sviluppare YouTube di sinistra e kruzhki mentre lo stato è alle prese con l’opposizione democratica filo-occidentale.

Per me, questa posizione è un grande fallimento, perché ignora l’umore tra i bielorussi. Sono davvero stanchi del sistema di Lukashenko, e ovviamente la sinistra deve lavorare con questo, non solo biasimarli per essere pecore cieche che condurranno il paese a un’economia di mercato totale. Sotto il sistema di Lukashenko, le organizzazioni della classe operaia o di base non saranno mai in grado di cambiare la situazione.

Allo stesso tempo, quando il quarto giorno di proteste, le masse della classe operaia sono scese in piazza e la possibilità di scioperi è diventata reale, quasi nessuna organizzazione o partito di sinistra si è effettivamente opposto a questo movimento. Tutti cercano di organizzare un movimento di sciopero e proporre richieste sociali ed economiche per spostare queste proteste da un’agenda puramente elettorale a un’agenda sociale.

VA: In che misura la classe operaia prende parte ai disordini e qual è il ruolo del lavoro organizzato?

VS: I collettivi di lavoratori di più di venti fabbriche e organizzazioni statali hanno espresso il desiderio di scioperare. Dopo le prime parole sprezzanti di Lukashenko sugli scioperanti (“c’erano una ventina di scioperanti in qualche fabbrica”, ha affermato), alcuni operai della Minsk Tractor Works hanno marciato attraverso Minsk fino al Parlamento per dimostrare la loro opposizione. A mio avviso, questo non era specificamente determinato da coscienza di classe – si sovrapponeva alle “catene di solidarietà contro la violenza”. Ma il 14 agosto, fuori dal Parlamento, abbiamo potuto vedere lavoratori con striscioni che recitavano: “Siamo lavoratori, non pecore”.

KK: C’è solo una grande associazione sindacale nazionale, la Federazione dei sindacati della Bielorussia, che è entrata a far parte dell’apparato burocratico del governo di Lukashenko. Tutte le sue attività si riducono all’organizzazione di feste nazionali e all’emissione di buoni per case di riposo. Questo “sindacato” non ha nulla a che fare con la protezione dei diritti dei lavoratori.

I pochi sindacati indipendenti formati sulla scia della recrudescenza del movimento operaio dei primi anni ’90 furono schiacciati. Solo poche imprese hanno cellule, ad esempio, del sindacato indipendente bielorusso. Questi sindacati indipendenti sono ora più simili alle ONG, che dipendono meno dai contributi dei lavoratori che dalle sovvenzioni straniere. Le loro attività sono focalizzate sull’assistenza legale ai singoli dipendenti che ne hanno fatto richiesta.

L’ultima grande protesta dei lavoratori della metropolitana nel 1995 è stata brutalmente repressa da Lukashenko. Da allora non si è più parlato di scioperi. Da allora, stiamo assistendo al primo grande movimento di protesta dei lavoratori. Finora, queste proteste sembrano piuttosto incontri con la direzione delle imprese, i sindacati “gialli” e le autorità locali. Ora ci sono notizie che il 17 agosto i minatori di potassio di Belaruskali stanno pianificando uno sciopero (la cellula dell’Unione Indipendente è sopravvissuta lì – il suo presidente è stato picchiato quasi a morte durante il suo arresto). I collettivi di lavoratori delle grandi fabbriche hanno minacciato scioperi e questo, almeno al momento in cui scriviamo, ha costretto le autorità a frenare la violenza della polizia.

Ma finora i lavoratori hanno avanzato solo rivendicazioni democratiche generali, in linea con un’ampia protesta liberale. Le proteste hanno segnato chiaramente una nuova tendenza: i partiti politici tradizionali, sia di destra che di sinistra, non hanno praticamente svolto alcun ruolo in esse. L’ispirazione ideologica e pratica è venuta piuttosto dai media in senso lato, inclusi i social media. Chi ha una forte media possiede la mente. Ma ora un media forte è nelle mani di coloro che promuovono l’agenda liberale e nazionalista. E se i lavoratori sono indottrinati in questa direzione, allora da dove verrebbe un movimento operaio cosciente di classe?

 

Dichiarazione aperta “Per una Bielorussia libera democratica e dei lavoratori!”

Pubblicato da workres, 18 agosto 2020

Dichiarazione aperta “Per una Bielorussia libera democratica e dei lavoratori!” ai nostri fratelli e sorelle lavoratori bielorussi in lotta dal sindacato di tutti gli Ucraini “Difesa del Lavoro”.

Cari fratelli e sorelle della Bielorussia,

Siamo affascinati dalla vostra forza e dal vostro coraggio nella lotta contro il governo autocratico. È ovvio che il regime conservatore e oligarchico avesse paura soprattutto della determinata e organizzata protesta della classe lavoratrice bielorussa e dei suoi sindacati indipendenti. Solo il vostro sciopero e in generale la protesta della classe lavoratrice ha permesso non solo di fermare la brutalità della polizia contro il popolo bielorusso, ma anche di sollevare in modo deciso il tema della cancellazione del risultato delle elezioni presidenziali, falsificati dal regime.

Sosteniamo risolutamente le vostre attuali rivendicazioni generali democratiche per importanti cambiamenti nella società bielorussa, l’incriminazione di coloro che hanno manipolato i risultati delle elezioni e quelle unità speciali della polizia che hanno abusato in modo estremo del loro potere.

È molto importante ricordare l’amara esperienza dell’Ucraina, quando la giusta e onesta protesta contro il regime di Yanukovich nel 2014 fu utilizzata da forze apertamente contrarie ai lavoratori e ai sindacati. Proprio queste forze stanno attualmente portando avanti violenti attacchi contro i diritti democratici dei lavoratori e i militanti sindacali, aumentando l’età pensionabile e attuando riforme neoliberiste e antipopolari.

Sfortunatamente la classe lavoratrice e i militanti sindacali nel 2014 non sono riusciti a diventare un fattore efficace e significativo della rivoluzione democratica in Ucraina. Erano poco organizzati e non abbastanza preparati. Questo fatto viene oggi utilizzato dai ‘protettori’ conservatori del regime autocratico, che cercano di convincere i lavoratori a non sostenere la lotta per la trasformazione democratica in Bielorussia, fermare lo sciopero e de-facto supportare il regime autocratico-capitalistico di Lukashenko.

Respingiamo risolutamente questi appelli ad una virtuale collaborazione con il regime. Solo una coerente lotta per la democrazia dà ai lavoratori una prospettiva per battere finalmente l’autocrazia e la violenza. Comunque la classe lavoratrice e i sindacati della Bielorussia dovrebbero iniziare a sviluppare i loro programmi rivendicativi. Questo programma permetterebbe alla futura Bielorussia libera e democratica di non finire sulla strada dei cambiamenti e delle riforme neoliberiste contrarie ai lavoratori. Proprio le riforme neoliberiste e le massicce privatizzazioni farebbero inevitabilmente ritornare ad una situazione di dittatura e violenza poliziesca e rafforzerebbero tanto la rivincita delle forze reazionarie quanto coloro che aspirano ad imporre un controllo esterno sulla Bielorussia, sia filo-Occidentale che filo-russo. Crediamo che la lotta per la vera indipendenza della Bielorussia democratica e del lavoro sia uno dei temi più importanti nel contesto attuale.

Noi lavoratori e militanti sindacali ucraini non abbiamo il diritto di dettare la nostra opinione ai nostri fratelli e sorelle bielorusse, i lavoratori bielorussi elaboreranno loro stessi un programma di lotta dei lavoratori e dei sindacati. Comunque noi crediamo soprattutto di avere il diritto di fare le nostre proposte, che potrebbero diventare la base per lo sviluppo di un attuale programma per i lavoratori e i sindacati e anche per un elenco di rivendicazioni dei lavoratori bielorussi. Queste proposte sono le seguenti:

-Cancellazione immediata delle modifiche del 2019 al Codice del Lavoro bielorusso, ostili ai lavoratori e ai sindacati, che hanno stabilito il totale dominio dei datori di lavoro nel Paese, -lavoro a tempo determinato, licenziamenti ingiustificati, il divieto delle dimissioni volontarie è la rovina dei lavoratori bielorussi.

-Difesa del posto di lavoro con ogni mezzo necessario! Fine delle multe da parte dei datori di lavoro! Fine della trattenuta del bonus.

-Cancellazione immediata del programma governativo di privatizzazione del 2020. Revisione della privatizzazione in corso di molte delle più importanti imprese bielorusse. Nazionalizzazione di queste imprese con conseguente transizione tra l’amministrazione burocratica supportata dal governo alla gestione democratica da parte di lavoratori e impiegati!

-Stop alla proposta di riforma di Lukashenko dei trattamenti pensionistici! Immediata rinuncia all’aumento dell’età pensionabile stabilita per legge nel 2020!

-Rapida abolizione di tutte le restrizioni legali relative alla creazione di sindacati indipendenti bielorussi! Libertà di stampa senza limitazioni per i media dei lavoratori e dei sindacati!

Ci sarebbe solo una condizione da rispettare nella lotta per l’affermazione delle vostre rivendicazioni: i lavoratori della Bielorussia hanno bisogno di organizzare una relazione stabile e continuativa con tutti i collettivi lavorativi bielorussi, con i sindacati indipendenti, con i membri attivi delle comunità e gli attivisti ambientalisti. Attualmente le forze liberali di destra sono più organizzate, e stanno cercando di fare qualsiasi cosa per evitare che i lavoratori bielorussi diventino una forza politica autonoma, cercando di farli rimanere nell’area dei politici neoliberisti con i loro programmi di riforme neoliberiste antipopolari. Per questo sarebbe corretto per i sindacati indipendenti bielorussi discutere la questione della nomina di un candidato per le future elezioni presidenziali. Un candidato di questo tipo potrebbe diventare il centro di gravità per tutte le forze veramente democratiche e lavoratrici della Bielorussia. Un’azione di questo tipo potrebbe costituire un’alternativa strategica sia alle forze del revanscismo autoritario anti-operaio che ai numerosi candidati filo-russi e filo-occidentali, che sono già impegnati a portare a termine la dissoluzione della via indipendente e democratica verso il futuro di una Bielorussia libera e governata dal popolo.

Stimati fratelli e sorelle bielorussi in lotta sindacale! La classe lavoratrice ucraina è con voi! Per favore ricordate che solo con la lotta possiamo conquistare i nostri diritti! Attualmente la vostra lotta è il punto più importante del mondo! In questo momento siete in prima linea per la vera democrazia e i diritti dei lavoratori! Siate vigilanti, determinati e buona fortuna!

Comitato centrale dell’AUTU ‘Labour Defence ’

17 agosto 2020.

 

“Dimettiti!”: Lukashenko contestato dagli operai di fabbrica a Minsk

L’accerchiato presidente della Bielorussia è apparso scosso mentre la gente urlava “bugiardo” in opposizione al regime.

La permanenza di Alexander Lukashenko al potere in Bielorussia ha subito un altro colpo lunedì scorso, quando i lavoratori l’hanno contestato durante una visita alle fabbriche nei dintorni di Minsk e alcune centinaia di dipendenti della televisione di stato, un punto chiave della macchina propagandistica governativa, sono scesi in sciopero.

Le grandi fabbriche del Paese sono la spina dorsale della sua economia neo-sovietica, e la visita di Lukashenko alla fabbrica di veicoli militari MZKT, di proprietà dello Stato lunedì mattina aveva lo scopo di mostrare il persistente consenso della classe lavoratrice al presidente bielorusso, il giorno dopo la più grande manifestazione della storia recente del Paese contro il suo governo.

Invece video e audio trapelati del suo discorso a lavoratori selezionati della fabbrica lo hanno mostrato alle prese con urla come “Dimettiti!” Lukashenko è apparso scosso ma ha continuato a parlare, mentre la gente gridava “bugiardo”.

Con toni di sfida, il presidente ha detto che non prenderà in considerazione la ripetizione delle poco trasparenti elezioni della scorsa settimana.

“Voi parlate di elezioni che non sono state corrette e volete che ce ne siano” ha detto alla folla, che in risposta ha gridato “Sì!” . “La mia risposta a voi è: abbiamo tenuto le elezioni, e a meno che mi ammazziate non ce ne saranno altre”.

Come concessione, Lukashenko ha ripetuto un’offerta di emendare la costituzione per ridurre i poteri presidenziali, ma ha aggiunto che non avvierà questo processo “sotto pressione o nelle piazze”.

Il suo sforzo più grande è stato quello di giustificare il suo ruolo autoritario e la brutalità poliziesca della scorsa settimana, dicendo che sta difendendo il Paese dal caos. “Sì, non sono un santo” ha detto. “Voi sapete che sono un duro. Sapete che senza la mia durezza non ci sarebbe il Paese”.

Lukashenko, che governa il Paese da 26 anni, ha ipotizzato che le proteste contro di lui siano organizzate e finanziate da oscure forze straniere, e ha chiesto al presidente russo Vladimir Putin di intervenire.

“Vedo un intervento militare russo in Bielorussia [come] un totale e assoluto disastro, e spero fortemente che sarà evitato” ha detto Dmitri Trenin, il direttore del Carnegie Moscow Centre.

Il Kremlino ha detto che se necessario Mosca è pronta a fornire aiuto sulla base di un patto militare collettivo, ma Putin ha interrotto le offerte di supporto o il sostegno a Lukashenko. È possibile, visto che la permanenza al potere di Lukashenko è instabile, che Putin possa controllare la transizione piuttosto che intervenire direttamente.

Lunedi scorso i lavoratori delle fabbriche di tutto il Paese sono scesi in sciopero, sperando di aggiungere la loro pressione a quella delle proteste quotidiane e costringere il presidente a rinunciare alla carica.

“Per 26 anni abbiamo avuto paura delle autorità, ma ora gli eventi della scorsa settimana hanno fatto capire alla gente che dobbiamo parlare” ha detto Sergei Dylevsky, uno dei membri del comitato di sciopero della Fabbrica Trattori di Minsk. Dei circa 14.000 dipendenti della fabbrica, 4.000 hanno partecipato allo sciopero, e hanno detto che verranno al lavoro ogni giorno per segnare la presenza, ma non lavoreranno fino a che non saranno convocate nuove elezioni.

Anche i minatori di una fabbrica di cloruro di potassio a Soligorsk, un enorme impianto che rappresenta un quinto della produzione mondiale di fertilizzante al cloruro di potassio, si sono uniti allo sciopero, e ci sono informazioni analoghe da impianti di tutto il Paese.

Lo sciopero si è anche allargato alla televisione di Stato, dove finora circa 300 dei 2.000 dipendenti hanno detto che non lavoreranno finché non saranno convocate nuove elezioni e non potranno lavorare senza censura. Lunedì era in corso una battaglia per il controllo dell’emittente, ma nonostante alcune concessioni editoriali il canale sostanzialmente continua a tenere una linea pro-Lukashenko, e con la polizia antisommossa all’interno del palazzo per difenderlo dalle centinaia di dimostranti che si erano radunati fuori.

Il clima insurrezionale si è diffuso all’indomani delle contestate elezioni presidenziali della scorsa domenica, nelle quali Lukashenko si è dichiarato vincitore ed ha poi lanciato un violento attacco della polizia contro i dimostranti, durante il quale ci sono stati più di 6.700 arresti e notizie largamente diffuse di violenze e torture da parte della polizia antisommossa. Le proteste sono cresciute per tutta la scorsa settimana, culminando in un’enorme manifestazione domenica, la più grande della storia del Paese. I dimostranti si sono ripromessi di protestare ogni sera finché Lukashenko non se ne andrà.

In una video dichiarazione lunedi, la candidata dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya, che è fuggita nella vicina Lituania subito dopo il voto, ha detto di essere pronta a diventare il “leader nazionale” del Paese, proclamando la vittoria nelle elezioni presidenziali della settimana scorsa e facendo appello alla polizia di “mettersi dalla parte del popolo”.

Il marito della Tikhanovskaya rimane in prigione in Bielorussia. Ufficialmente ha conquistato solo il 10% dei voti rispetto all’80% di Lukashenko, ma poche persone in Bielorussia o all’estero pensano che il voto sia stato corretto.

Nella dichiarazione ha detto: “Sono pronta a prendermi la responsabilità e servire in questo periodo come leader nazionale in modo che il Paese si calmi, ritorni a un ritmo normale, in modo da liberare tutti i prigionieri politici nel periodo più breve possibile e prepararci… per le nuove elezioni presidenziali”

Alcuni Paesi occidentali hanno duramente criticato Lukashenko, e l’UE sta progettando nuove sanzioni contro il Paese. Lunedì il Ministro degli esteri britannico, Dominic Raab, ha tweettato: “La violenza contro manifestanti pacifici in Bielorussia è spaventosa. Il Regno Unito non accetta il risultato di queste fraudolente elezioni presidenziali e chiede un’urgente indagine tramite la @OSCE sui loro gravi difetti e sulla repressione che ne è seguita”.

Lunedì il Ministro degli interni ha detto che solo 122 degli arrestati sono ancora in prigione mentre il Ministro della Sanità ha detto che 158 persone restano ricoverate per ferite subite nell’attacco.

“Fonte The Guardian – traduzione di Nello Gradirà per Codice Rosso”

Print Friendly, PDF & Email
Copy link

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.