Regionali: trionfo delle sardine, prima sconfitta per Salvini

Cominciamo dalle elezioni calabresi: alla fine un partito in declino irreversibile come Forza Italia ha piazzato un presidente di regione e può accreditare la sconfitta in Emilia ai due partiti alleati e alle loro strategie. Il voto emiliano invece emette verdetti piuttosto chiari: si tratta di una vittoria delle sardine, intese come main sponsor del centrosinistra, e della prima vera sconfitta della Lega di Salvini. Basta ripercorrere la situazione di inizio autunno per rendersene conto: Salvini aveva radunato per le regionali una coalizione che partiva, dati delle europee alla mano, con almeno cinque punti di vantaggio sul centrosinistra e che si stava attrezzando per una campagna elettorale aggressiva sui social e sul campo. Con l’esplosione del movimento delle sardine – in piazza, sui social e sui media alleati –  l’elettorato di centrosinistra si è prima compattato al proprio interno e poi ha recuperato punti, consenso, posizioni.

E’ evidente che questo movimentismo a fianco del centrosinistra – basato su una strategia di comunicazione adeguata, banale quanto semplice, low cost e diretta -era quello che mancava agli antagonisti di Salvini fino ad oggi politicamente ingessati e incomprensibili dal punto di vista comunicativo.  Naturalmente il centrosinistra, con questa iniezione di consenso cambierà poco: rimarrà sui territori un nesso politico liberista, legato a esternalizzazioni, revisioni al ribasso della spesa pubblica, centralizzato nelle scelte reali e condizionato, quando non legato, dalle scelte di grandi sponsor privati. E anche vero che, per il centrosinistra, si apre giocoforza una stagione di ricambio generazionale non solo nelle persone ma anche nel peso della comunicazione dal basso nell’organizzazione politica: la sfida, a occhio, è quella di allargare il consenso senza rivedere i limiti che il liberismo ha dato alla politica dagli anni ’90.

Per Salvini si tratta della prima vera sconfitta politica. Vedremo, e questo pare il punto più importante, quanto il dispositivo di propanda di Salvini – il vero patrimonio politico del “capitano” – saprà adeguarsi a questa sconfitta. Un punto è certo: Salvini si nutre del disagio diffuso del paese, disagio che in Emilia è ampio e riguarda gli aggregati urbani sotto i sessanta-ottantamila abitanti ma non è sufficiente per vincere. Anzi, ad un certo punto Salvini ha rappresentato la ragione, e lo farà in altre occasioni elettorali, che tiene davvero insieme, per reazione, un movimento come le sardine. Certo, l’Italia non è solo l’Emilia per cui di sacche di disagio per aspirare consenso Salvini ne troverà abbastanza e di nuove. Anche qui, vedremo, intanto la marcia trionfale di uno dei peggiori partiti dell’Italia repubblicana si è fermata..persino a Bibbiano dove il centrosinistra ha preso il 60 per cento

Visto che il governo Conte, con il suo minimalismo politico, ha passato anche questa prova due parole sul movimento 5 stelle: nessuno del gruppo dirigente attuale è in grado di invertire la tendenza alla dissoluzione che si sta manifestando. Trasformare un cartello elettorale fatto di rappresentanza elettorale ai movimenti (dalla Tav al Tap) e alle correnti d’opinione (da quella più forcaiole a quelle piu’ libertarie) in partito politico compatibile con le prescrizioni della governance europea era una impresa desiderabile una volta occupati i ministeri ma anche impossibile.  Il futuro è, se il 5 stelle non implode, quello di un partito di opinione, sotto il dieci per centro, satellite del centrosinistra rinnovato.

Quanto ai movimenti più radicali è evidente che solo una profonda, per certi versi drammatica, innovazione nel merito e nel metodo del fare politica può dare loro un ruolo. Altrimenti, una società in crisi permanente ma complessa  come la nostra concede il solo spazio del lamento testimoniale senza reali vie d’uscita

 

per codice rosso, nique la police

una analisi sulle strategie comunicative del movimento delle sardine

Copy link
Powered by Social Snap

In questo sito usiamo cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire al sito di funzionare correttamente e per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .

Privacy policyCookie policy.